Menu di navigazione

Aree tematiche

Aliquote I.C.I.

di Martedì, 26 Agosto 2014 - Ultima modifica: Sabato, 29 Novembre 2014

Anno 2011

Per l'anno 2011 le aliquote ai fini I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) restano invariate rispetto al 2008, 2009 e al 2010. Per agevolare il contribuente si ricordano le principali novità intervenute nel 2008 e valide anche per il 2009, 2010 e per il 2011. Anche per l'intero periodo d'imposta 2011 è esclusa dall'imposizione I.C.I. l'unità immobiliare utilizzata quale abitazione principale intendendo quella nella quale il contribuente, che la possiede a titolo di proprietà, usufrutto o altro diritto reale, ed i suoi familiari dimorano abitualmente e che si identifica, salvo prova contraria, con quella di residenza anagrafica.

Sono escluse pertanto dall'I.C.I. le unità immobiliari accatastate nel gruppo A e destinate al abitazione principale del contribuente e della propria famiglia, ad eccezione delle unità immobiliari accatastate nei gruppi A1, A8 e A9 che continuano a scontare l'imposta.
 Si precisa che per godere dell'esenzione il contribuente non deve presentare nessuna dichiarazione o richiesta.
 Sono pertanto escluse dall'I.C.I a partire dal 2008 le abitazioni che il Regolamento comunale (approvato con deliberazione consiliare n. 52/2007 di data 05.12.2007) ai sensi dell'art. 59 ha espressamente assimilato all'abitazione principale e precisamente:

- le abitazioni concesse in uso gratuito dal possessore ai suoi familiari, parenti entro il 1° grado in linea retta, se nelle stesse il familiare ha stabilito la propria residenza e vi dimora abitualmente;

- le abitazioni assegnate in caso di separazione o divorzio, ad uno dei due ex coniugi, e questo anche per la parte rimasta di proprietà del coniuge non assegnatario purchè lo stesso non risieda, nello stesso Comune, in altra unità immobiliare sulla quale sia titolare di uno dei diritti reali di cui all'art. 3 del D.L.vo n. 504/1992;

- le abitazioni possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in Istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che le stesse siano tenute a disposizione;

- le unità immobiliari assegnate ai soci di cooperative edilizie che abbiano stabilito nella medesima unità la propria residenza anagrafica;

- le pertinenze dell'abitazione principale classificate o classificabili nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 destinate ed effettimente utilizzate in modo durevole al servizio dell'abitazione principale. Nel caso che all'abitazione principale siano asservite più pertinenze l'esclusione dall'ICI è estesa a due unità immobiliari di pertinenza delle quali almeno una classificata o classificabile nelle categorie catastali C/6 o C/7;

Sono soggette ad I.C.I., per la fattispecie "abitazioni principali" le seguenti tipologie:

- le unità immobiliari accatastate nei gruppi A1, A8 e A9;

- le unità immobiliari di contribuenti residenti all'estero e iscritti all'A.I.R.E; per tali unità immobiliari continua ad essere riconosciuta la detrazione di base, a condizione che non risultino locate.

Per l'anno 2011, le aliquote I.C.I. sono pertanto le seguenti:

ALIQUOTA DEL 7 PER MILLE:
 aliquota ordinaria; sono soggetti inoltre a questa aliquota i contribuenti che non rientrano nei casi sottoelencati;
 
 ALIQUOTA DEL 4 PER MILLE:
 aliquota ridotta per le seguenti ipotesi:

1) per l'unità immobiliare, accatastata nei gruppi A1, A8 e A9, adibita ad abitazione principale del soggetto passivo residente nel Comune;

2) per la pertinenza dell'abitazione principale, accatastata nei gruppi A1, A8 e A9 (pertinenza classificata o classificabile nelle categorie catastali C/2 - C/6 - C/7, destinata ed effettivamente utilizzata in modo durevole al servizio dell'abitazione principale, anche non appartenente allo stesso fabbricato). Nel caso che all'abitazione principale siano asservite più pertinenze il beneficio del presente punto è esteso a due unità di pertinenza delle quali almeno una classificata o classificabile nelle categorie catastali C/6 o C/7;

ALIQUOTA DEL 6 PER MILLE:  

1) per l'unità immobiliare locata utilizzata come abitazione principale da residenti, con contratto regolarmente registrato; l'applicazione dell'aliquota sopra citata è subordinata alla presentazione, entro il 20 dicembre dell'anno successivo a quello in cui si verifica la situazione, di una dichiarazione che individui l'unità abitativa, gli estremi del contratto di locazione (data, contraenti e durata) e gli estremi di registrazione del contratto.
 2) per le unità immobiliari e relative pertinenze di soggetti residenti, purchè locate anche solo parte dell'anno a scopo turistico;
 3) per le unità immobiliari e relative pertinenze utilizzate dai residenti o dai loro familiari (risultante da comunicazione da presentare entro il 20 dicembre dell'anno successivo a quello in cui si verifica la situazione sopra citata);
 4) per le unità immobiliari e relative pertinenze direttamente locate a soggetti lavoratori per il periodo di effettivo utilizzo, risultante da idonea documentazione.

ALIQUOTA DEL 5,4 PER MILLE:
 aliquota per le categorie catastali A/10 (uffici), C/1 (negozi e botteghe), C/3 (laboratori per arti e mestieri) e per tutto il gruppo D;

ALIQUOTA DEL 7 PER MILLE:
per le aree fabbricabili.
 

Detrazioni

Si conferma in € 350,00 la detrazione per l'imposta dovuta per l'unità immobiliare adibita ad abitazione principale per le categorie sopra indicate.

Pagamento e comunicazioni

Per il 2011 il pagamento dell'imposta potrà essere effettuato in un'unica soluzione nel periodo dal 1° al 20 dicembre. E' lasciata comunque la possibilità al contribuente di optare per uno o più acconti da effettuarsi nei tempi (comunque entro il 20 dicembre) e con le modalità di calcolo ritenute più opportune dal contribuente stesso.

L'imposta non è dovuta se l'importo annuale è inferiore o uguale a Euro 12,00.

La riscossione viene effettuata a mezzo del concessionario Equitalia Trentino Alto Adige Sudtirol S.p.a - Agente della Riscossione per le Province di Bolzano e Trento sul conto postale n. 88765680 oppure utilizzando il modello F24.