Ti trovi in:

In questa sezione si trovano informazioni relative alle attività in campo sociale (politiche a favore della famiglia, dei giovani, degli anziani/attivazione progetti di politica del lavoro sulla base del programma provinciale/servizi all’infanzia ed in particolare di gestione del servizio asili nido e Tagesmutter/edilizia pubblica residenziale.).

Per esplorare il vasto sistema di servizi e interventi sociali che la Provincia autonoma di Trento mette a disposizione dei cittadini si rimanda al portale Trentinosociale.it.

Informazioni relative alla gestione del servizio asili nido e  del servizio Tagesmutter.

Informazioni per l'accesso agli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

di Lunedì, 18 Dicembre 2017
Immagine decorativa

A partire dal primo gennaio 2018 il vaccino contro l'encefalite trasmessa dalle zecche sarà offerto gratuitamente a tutti gli iscritti al Servizio sanitario provinciale.

La Tbe, ovvero la meningoencefalite da zecca, è una malattia virale che può colpire il sistema nervoso e avere un decorso serio; poiché non esiste una cura, il modo migliore per prevenirla è la vaccinazione consigliata a chi vive, lavora o frequenta le zone a rischio. Da qui la scelta della Giunta provinciale. Si tratta di un vaccino non obbligatorio, ma erogato gratuitamente a tutti i cittadini del Trentino.

La Tbe è trasmessa all'uomo, nella maggioranza dei casi, dal morso di zecche infette durante l'attività all'aperto nei boschi o in giardini non curati. La malattia è in aumento in tutta Europa, anche a causa del cambiamento climatico che favorisce le condizioni ottimali per l'esistenza delle zecche. Un aumento che sta interessando anche l'Italia e il Trentino, dove fra il 1997 e l'autunno 2017 ci sono stati 125 casi segnalati.

Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere ai Servizi vaccinali del territorio: https://www.apss.tn.it/it/punti-di-erogazione


di Martedì, 22 Agosto 2017
Immagine decorativa

Piano Giovani Alto Garda e Ledro: Aperto il bando 2018 di Piano B

Con deliberazione n.110 del 28 luglio 2017 è stato aperto il bando 2018 per la presentazione di progetti.

Obiettivo di Piano B è promuovere delle sperimentazioni che incrementino il dialogo e la collaborazione tra le generazioni, all'interno di contesti in cui si compiano delle azioni veramente importanti e migliorative per i singoli e per il territorio.

Scadenza invio progetti a segreteria@altogardaeledro.tn.it : 16 ottobre 2017 ore 23:59

segue


di Venerdì, 07 Ottobre 2016
Immagine decorativa

​Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) è una misura di contrasto alla povertà che prevede l'erogazione di un beneficio economico alle famiglie in condizioni economiche disagiate nelle quali almeno un componente sia minorenne oppure sia presente un figlio disabile o una donna in stato di gravidanza accertata.
I presupposti per l'attivazione di tale nuovo intervento di sostegno del reddito sono la valutazione dei bisogni del nucleo familiare e la predisposizione di un progetto individualizzato da parte dei servizi sociali.
Dal 2 settembre 2016 i cittadini in possesso dei requisiti possono presentare la richiesta per il SIA presso il Servizio Socio-assistenziale della Comunità di Valle.

Altre informazioni

  • via G. Matteotti, 33 Torbole - piano terra
  • tel: 0464 549543 
  • fax: 0464 549540
  • pec: comunenagotorbole@pec.it
  • orari: dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 12.30 - il venerdì dalle 9.00 alle 12.00

L’assegno di natalità è un assegno annuo (c.d. bonus bebè) per ogni figlio nato o adottato tra il 1° gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2017, istituito dall’art.1, commi da 125 a 129, della legge di stabilità per l’anno 2015 (legge 23 dicembre 2014 n.190) da corrispondere mensilmente fino al terzo anno di vita del bambino, oppure fino al terzo anno dall’ingresso in famiglia del figlio adottato, a favore dei nuclei familiari il cui genitore richiedente sia in una situazione economica corrispondente ad un valore dell’ISEE non superiore a 25.000 euro annui.

Con DPCM 27 febbraio 2015 sono state adottate le relative disposizioni attuative. La misura spetta dal mese di ingresso in famiglia, anche in caso di affidamento preadottivo del minore disposto dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017, ai sensi dell’art. 2 co. 6 della legge 184/1983 non superiore ai 25.000 euro annui.

Ulteriori informazioni