Ti trovi in:

Attività economiche » Turismo » Imposta di soggiorno

Imposta di soggiorno

di Giovedì, 27 Agosto 2015 - Ultima modifica: Giovedì, 05 Gennaio 2017
Immagine decorativa

La Provincia Autonoma di Trento ha istituito l'imposta provinciale di soggiorno a decorrere dal 1 novembre 2015 con l'art. 16-bis della L.P. 11/06/2002 n. 8 e ha approvato il regolamento di esecuzione del medesimo articolo (D.P.P. 16 aprile 2015, n. 3-17/leg).

L’imposta provinciale di soggiorno è dovuta alla Provincia Autonoma di Trento ed è incassata dai gestori delle strutture ricettive che assumono il ruolo di  sostituto di imposta ai sensi dell’art. 64 del D.P.R. n. 600/1973. La riscossione, il controllo, il rimborso e ogni altra attività di gestione del tributo, comprese le sanzioni amministrative, è affidata a Trentino Riscossioni S.p.A. 

Fatte salve le esenzioni previste dall'art. 3 del regolamento di esecuzione, l'imposta provinciale di soggiorno è dovuta da ogni persona che pernotta nelle strutture ricettive ubicate nel territorio provinciale e si applica ad ogni pernottamento. Nel caso di soggiorni di durata superiore a 10 notti consecutive presso la medesima struttura ricettiva, l'imposta è corrisposta nella misura di 10 pernottamenti. 

Le notti di pernottamento si considerano comunque consecutive qualora il periodo complessivo di soggiorno sia interrotto, anche in modo ripetuto, per non più di quattro notti comprensive del fine settimana. 

Il versamento dell'imposta deve essere effettuato dal soggetto passivo entro l'ultimo giorno di permanenza nella struttura ricettiva ed è incassata dal sostituto d'imposta. 

La misura dell'imposta è fissata dal regolamento di esecuzione secondo criteri di gradualità in relazione alla tipologia di struttura ricettiva, da un minimo di 0,50 euro a un massimo di 2,50 euro per pernottamento. L'imposta è applicata fino ad un massimo di 10 pernottamenti consecutivi nelle misure indicate nell' articolo 2 del regolamento di esecuzione.

Qui è possibile verificare le nuove tariffe, così come deliberate dalla Giunta Provinciale.

Dal 1 maggio 2016 al 31 dicembre 2016 anche gli ospiti degli alloggi per uso turistico sono soggetti all' Imposta Provinciale di Soggiorno: gli stessi dovranno pertanto versare al sostituto d'imposta (il gestore dell'alloggio) quanto previsto dalle attuali normative. Ai sensi dell’art. 10 della L.P. 05 agosto 2016 n. 14, il soggetto che concede in locazione l’alloggio per uso turistico presenta un’UNICA COMUNICAZIONE entro il 16 gennaio 2017 riferita al periodo 1 maggio 2016 – 31 dicembre 2016. Il riversamento dell’imposta provinciale di soggiorno deve essere effettuato entro il 16 febbraio 2016. 

Solo per gli alloggi ad uso turistico, dal 1 gennaio 2017 sarà introdotta l’ Imposta Provinciale, in sostituzione dell’Imposta Provinciale di Soggiorno che vedrà il pagamento annuale, da parte del gestore dell'alloggio, di un importo determinato nella misura fissa di Euro 25,00 per ciascun posto letto e per ciascun anno solare, da versare entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di riferimento tramite il bollettino freccia inviato da Trentino Riscossioni S.p.A. 

Per maggiori informazioni sull'imposta è possibile consultare la guida sotto riportata e rivolgersi, per ulteriori chiarimenti e domande specifiche, all'Azienda per il turismo (Apt) o Consorzio Pro loco del proprio ambito o alla propria Associazione di categoria. 

Guida all'imposta provinciale di soggiorno (apre il link in una nuova finestra)

 Per delucidazioni tecniche sull'utilizzo dell'applicativo web - Pagosemplice imposta provinciale di soggiorno consultare:

Manuale d'uso dell'applicativo web - PagoSemplice imposta provinciale di soggiorno (apre il link in una nuova finestra)